Stampa

Malattie autosomiche recessive

Una malattia monogenica si dice a trasmissione ereditaria autosomica recessiva quando il gene coinvolto è localizzato su una delle 22 coppie di cromosomi, detti autosomi, e il carattere patologico si manifesta solo se sono alterate entrambe le copie del gene (carattere recessivo); ad esempio la fibrosi cistica è causata quando vi è una mutazione in entrambe le copie del gene CFTR, oppure mutazioni nelle due copie del gene Cx26 sono all’origine di una delle forme di sordità genetica non sindromica.

Nella popolazione un individuo che ha una sola copia alterata di un gene si chiama eterozigote per una specifica mutazione e poiché non manifesta la malattia (asintomatico) è indicato come “portatore sano”. Soggetti affetti generalmente nascono da unioni tra due genitori portatori sani. Nella Fig.1 per un dato gene l’allele normale è indicato con A, quello mutato con a; i soggetti “portatori sani” producono gameti (ovuli e spermatozoi) che presentano l’allele nomale A o l’allele mutato a.  Dall’incontro di due individui portatori sani (eterozigoti) a seconda del tipo di gameti che si fondono al momento della fecondazione si possono generare:

  • con una probabilità del 25% figli che non hanno ereditato, dai genitori, nessuno degli alleli mutati (individui omozigoti AA) e che a loro volta non trasmetteranno l’allele con la mutazione, in quanto hanno entrambe le copie normali del gene.
  • con una probabilità del 50% figli che hanno ricevuto una copia normale e una mutata del gene (soggetti Aa); sono, quindi, portatori sani (come i genitori) e a loro volta hanno la probabilità del 50% di trasmettere ai loro figli l’allele mutato a.
  • con una probabilità del 25% figli che hanno entrambe le copie alterate del gene (soggetti omozigoti aa) e che manifesteranno la patologia. Le malattie a trasmissione autosomica recessiva possono colpire individui sia di sesso maschile che femminile.
- Trasmissione ereditaria di una malattia genetica autosomica recessiva 
Fig.1- Trasmissione ereditaria di una malattia genetica autosomica recessiva