Stampa

HIV-1

Aspetti generali
Il virus dell’Immunodeficienza Umana (HIV, Human Immunodeficiency Virus) è l’agente responsabile
HIV 1 infection

Fig.1 - Infezione da HIV-1

della Sindrome da Immuno Deficienza Acquisita (AIDS, Acquired Immuno Deficiency Syndrome). L’HIV è suddiviso in due ceppi: HIV-1 localizzato prevalentemente in Europa, America , Asia e Africa centrale e HIV-2 confinato in Africa occidentale che determina una sindrome clinicamente più moderata rispetto al ceppo 1. L’HIV è un retrovirus (virus a RNA) appartenente ai lentivirus che sono caratterizzati dall’avere un tempo di incubazione molto lungo. Il genoma di HIV-1 presenta un’ampia variabilità genetica che ha portato a classificarlo in tre gruppi: il gruppo M (Major) che a sua volta e suddiviso in 12 sottotipi (A,B,C,D,F,G,H,J,K,AB,AE,AG), gruppo N e gruppo O. Il virus si trasmette per via sessuale (secrezioni vaginali, sperma, sangue), ematica mediante contatto con sangue e/o emoderivati infetti, verticale da madre a figlio durante la gravidanza, parto o allattamento. Dopo l’infezione il virus entrato nel circolo sanguigno, va alla ricerca di particolari cellule in cui replicarsi; in particolare attacca i linfociti T CD4+, cellule del sistema immunitario (Fig.1). Una volta all’interno l’RNA virale viene convertito in DNA che si integra nel genoma della cellula ospite (provirus). A questo punto l’HIV può restare inattivo all’interno della cellule o iniziare il processo replicativo che porta alla formazione di nuove particelle virali che vengono espulse dalla cellula, provocandone la distruzione, e liberate nel circolo sanguigno, pronte ad infettare nuove cellule T CD4+. L’infezione acuta della durata di 1-2 settimane generalmente ha un quadro clinico poco specifico, simil-influenzale. Al termine della fase acuta i sintomi scompaiono e inizia la lenta risposta immunitaria da parte dell’organismo, che può durare 2-8 settimane, con la produzione di anticorpi (sieropositività). In assenza di terapia, la fase di latenza (o cronica) può durare per molti anni e sebbene le condizioni cliniche del paziente sieropositivo siano stabili, il sistema linfatico subisce un progressivo deterioramento, poiché la replicazione virale persiste e i linfociti T CD4+ distrutti non vengono adeguatamente rimpiazzati. Quando il loro numero scende al di sotto della soglia critica (200/ml) l’organismo non è più in grado difendersi da “infezioni opportunistiche”, causate da microorganismi (batteri, funghi, virus, protozoi) normalmente scarsamente patogeni che, in condizione di bassissimi livelli di linfociti T CD4+, possono provacare patologie polmonari, gastro-intestinali, oculari e cerebrali con gravi manifestazioni cliniche (AIDS conclamato). Attualmente il trattamento terapeutico è a base di farmaci anti-retrovirali che non permettono di eliminare il virus ma ne limitano la proliferazione, contenendo la distruzione di cellule T CD4+.
Test molecolare

In Tecnobios Prenatale Eurogenlab è disponibile un test molecolare (HIV-1 Viral Load) per la valutazione della carica virale, espressa in copie/ml, presente nel plasma. Il test sensibile e accurato permette di rilevare la presenza di RNA virale, di tutti i sottotipi di HIV-1, fino a 20 copie/ml e la quantificazione in un ampio range di linearità (40-10.000.000 copie/ml). Il test molecolare HIV-1 è indicato principalmente per il controllo di donatori di gameti maschili e femminili, cellule staminali, ma anche per l’anticipo di “copertura” del periodo finestra dopo esposizioni accertate al virus o per monitorare l’efficacia di farmaci antivirali.

Tempi di risposta

Il risultato del test è disponibile dopo circa 3 ore dal prelievo.

Materiale analizzato

RNA estratto da plasma isolato da sangue periferico raccolto, mediante prelievo venoso, in provette con EDTA.

 

Bibliografia
Katzenstein DA, et al. The relation of virologic and immunologic markers to clinical outcomes after nucleoside therapy in HIV-infected adults with 200 to 500 CD4 cells per cubic millimeter. AIDS Clinical Trials Group Study 175 Virology Study Team. N Engl J Med. 1996

Mellors JW, et al. Plasma viral load and CD4+ lymphocytes as prognostic markers of HIV-1 infection. Ann Intern Med. 1997

Mellors JW, et al. Prognosis in HIV-1 infection predicted by the quantity of virus in plasma. Science. 1996

O’Brien WA, et al Changes in plasma HIV-1 RNA and CD4+ lymphocyte counts and the risk of progression to AIDS. Veterans Affairs Cooperative Study Group on AIDS. N Engl J Med. 1996

Ruiz L, et al. Quantitative HIV-1 RNA as a marker of clinical stability and survival in a cohort of 302 patients with a mean CD4 cell count of 300 x 10(6)/l. Aids. 1996

Saag MS, et al. HIV viral load markers in clinical practice. Nat Med. 1996