Stampa

Neisseria gonorrhoeae

Aspetti generali

Il batterio Neisseria gonorrhoeae (NG) è un batterio intracellulare facoltativo, tipicamente aggragato a coppia (diplococco) che causa una malattia a trasmissione sessuale chiamata gonorrea. NG è un patogeno particolarmente fragile, suscettibile a variazioni di temperatura, per cui la sopravvivenza al di fuori dell’organismo umano, unico ospite, è limitata. Nei maschi NG infetta preferenzialmente la mucosa del tratto uretrale, provocando secrezioni purulente e bruciore, mentre nella donna colonizza la mucosa cervicale e il collo dell’utero e può minifestarsi con leucorrea abbondante mucopurulenta e bruciore vulvo-vaginale e ad urinare.
L’infezione può essere silente e riconosciuta solo all’insorgere di complicanze. Nelle donne in gravidanza l’agente infettivo può essere trasmesso al feto per via ascendente a partire dalla cervice infetta o più frequentemente intrapartum durante il passaggio del feto nel canale del parto. L’infezione per via ascendente può determinare, se non trattata, aborto, corioamnionite, rottura prematura delle membrane, parto pre-termine, endometrite postpartum. L’infezione intrapartum può essere causa di congiuntivite neonatale, che, se non trattata, può portare alla cecità.

Test molecolare

Dal momento che le infezioni da NG sono frequenti e asintomatiche e quelle clinicamente manifeste possono non essere facilmente distinte da altre infezioni e trasmissione sessuale, negli ultimi anni con lo sviluppo di tecniche di biologia molecolare, come la Real Time PCR, sono stati introdotti test che permettono una identificazione rapida e precisa del patogeno. In Tecnobios Prenatale Eurogenlab la metodica utilizzata è la Real Time PCR basata sul sistema GeneXpert ® che assicura massima affidabilità e tempi di risposta molto rapidi.

Materiale analizzato

DNA estratto da tamponi cervico-vaginali, uretrali, rettali, urina, liquido seminale.

Tempi di risposta

Il risultato del test molecolare per la ricerca di NG è disponibile dopo poche ore dall’arrivo del campione in laboratorio.

Bibliografia
Hook EW et al. Sexual Transmit Dis (1999).
Graver MA e Wade JJ. J Clin Microbiol (2004)