HBV

Aspetti generali

Il virus dell’epatite B (HBV) è un piccolo virus con DNA ed è responsabile dell’epatite da HBV cronica e acuta. L’HBV contiene numerosi componenti antigenici che comprendono l’antigene di superficie dell’epatite B (HBsAg), l’antigene core dell’epatite B (HBcAg) e l’antigene “e” dell’epatite B (HBeAg).

L’HBV viene trasmesso mediante l’esposizione percutanea o mucosale al sangue o ai fluidi corporei di una persona infetta, da una madre infetta al neonato, attraverso stretti contatti domestici, attraverso trasfusioni di sangue non sottoposto a screening o iniezioni in assenza di sterilità in ambito sanitario, attraverso l’uso di droghe iniettabili e dal contatto sessuale con una persona infetta.

L’epatite B cronica (CHB) si può presentare come antigene “e” dell’epatite B (HBeAg) positiva o CHB HBeAg negativa. La sieroprevalenza HBsAg specifica per età varia in modo significativo per regione geografica, con la prevalenza più alta (>5%) nell’Africa sub-sahariana, nell’Asia orientale, in alcune parti delle regioni balcaniche, nelle isole del Pacifico e nel bacino amazzonico del Sud America. In regioni come l’America Latina centrale, il Nord America e l’Europa occidentale si riscontra una prevalenza inferiore al 2%. Complessivamente, quasi la metà della popolazione globale vive in aree ad alta endemicità. La morbilità e la mortalità del CHB sono collegate alla persistenza della replicazione e della evoluzione virale in cirrosi e/o carcinoma epatocellulare (HCC). La mortalità per epatite virale è aumentata nel tempo e continuerà ad aumentare a meno che le persone non vengano diagnosticate e trattate.

Il vaccino contro l’HBV è disponibile per i neonati e ha ridotto considerevolmente il numero di nuove infezioni croniche, ma la copertura è solo del 39%.3 Nel 2015, il 3,5% della popolazione mondiale viveva con infezione cronica da HBV e le aree maggiormente colpite erano le regioni del Pacifico occidentale e africane.3 Solo il 9% delle persone affette da HBV conosceva la propria diagnosi, e delle persone diagnosticate, solo l’8% era sottoposto a trattamento terapeutico. La terapia per HBV mediante agenti antivirali che sopprimono la replicazione HBV viene continuata per tutta la vita.

Test molecolare

In Tecnobios Prenatale Eurogenlab è disponibile un test molecolare, basato sul sistema integrato GeneXpert Dx System, per la valutazione della carica virale, espressa in IU/ml, presente nel siero o plasma. Il test sensibile e accurato può essere utilizzato insieme al quadro clinico e ad altri marcatori di laboratorio come indicatore della prognosi della malattia e per aiutare a determinare la risposta virale al trattamento antivirale, misurata in base alle variazioni dei livelli di DNA dell’HBV nel plasma o nel siero.

Tempi di risposta

Il risultato del test quantitativo è disponibile dopo circa poche ore dal prelievo.

Materiale analizzato

Sangue periferico raccolto in provette con EDTA o siero isolato da sangue raccolto in provette “da siero” (tappo rosso).

Bibliografia

World Health Organization (WHO). Guidelines for the Prevention, Care and Treatment of Persons with Chronic Hepatitis B

Infection. March 2015. Accessed March 14, 2018 at: http://www.who.int/hiv/pub/hepatitis/hepatitis-b-guidelines/en/.

European Association for the Study of the Liver. EASL Clinical Practice Guidelines: Management of chronic hepatitis Bvirus infection. J. Hepat. 2012; 57:167-185. Available at: http://dxdoi.org/10.1016/j.jhep.2012.02.010.

World Health Organisation. Global hepatitis report, 2017. WHO. April 2017.